DAL 1899 L’UMANITÀ IN PRIMA PAGINA

Questo sito, per scelta, NON fa pubblicità, NON richiede registrazioni di sorta, NON è a pagamento.

*

La nuova rivista è online dalle prime ore del 1° giorno di ogni mese.

Cari missionari

CRISTO DE LOS DESTERRADOS
Carissimi, saluti a tutti. Ed ora sentite questa:
proprio come nella storia di Pinocchio: «…come andò che Vicente, pas­ seggiando lungo la spiag­ gia di Ladrilleros [Costa delPacifico] trovò un pez­ zo di legno che piangeva e rideva chiedendo aiuto…» lnciam pai in un pezzo di legno, una radice di man­ grovia, annerita  e abbru­ stolita da un incendio pro­ vocato da qualche abitan­ te d ella foresta per
ripulire con ilfuoco un pezzetto di terra che a lui e alla sua gente serviva per seminare la manioca e ilriso per poter conti­ nuare a vivere e lavorare. Non so come sia andata,
ma ilfatto è che un bel giorno quelpezzo di legno brucia cchiato, trascinato
dalla corrente di un fiume finì nelm are e sballottato dalriflusso della marea finì sulla spiaggia che mi ospitava abbandonato in mezzo a uno dei tanti gro­ vigli di porcherie che ab­ bruttiscono le splendide spiagge delPacifico. Appena lo scoprii, non po­ tei evitare un salto di ioia e un «oh!» di pietà. Cio
che appariva  ai miei oc­ chi era la perfetta figura di un uomo stilizzato, cui
furono strappati i piedi e le mani: un Cristo senza piedi e senza mani con i monconi delle braccia che imploravano pietà. Era come fossel’icona di questa gente, scacciata violentemente dalle sue
terre, vagante senza meta e senza prospettive. Immediatamente ilmio pensiero volò ad Arie,l un artigiano  sognatore che
in Ladrilleros si guadagna la vita lavorando conchi-
glie e cose tipiche per venderle ai turisti ed ave­ re un pezzo di pane per non morire di fame. Nelle sue mani ilpezzo di legno si trasformò in un Croci­ fisso senza mani e senza piedi che animò la via crucis della Settimana Santa 2011.
Ora aspetta in un angolo
della capanna che per a­ desso funge da cappella e potrà essere, un giorno,
la pietra angolare di un futuro santuario in onore del Cristo «de los Dester- rados», patrono di Ladril- leros e di tutta la gente che con fede lo invocherà in cerca di protezione e benedizione. Sognate an- che voi e se sono rose fio- riranno. Saluti,

Vicente (P. Vincenzo Pellegrino) Ladrilleros, Cauca, Colombia 24 /10/2011

Dopo aver cercato Ladril-leros sulle mappe, ho scritto a P. Vicente, «dove
è questo tuo Ladrilleros, che dici essere in riva al mare e invece da Google map risulta sulle monta- gne della cordigliera? E poi, la tua residenza non
è in Cali che col mare non ha proprio niente a che fare?». Ecco la sua pron- ta risposta.
Ladrilleros è una frazione di Buonaventura, distante un’ora di motoscafo dalla città. Il luogo è un paradi- so terrestre con un cielo
«così bello quando è bel- lo» (Manzoni) che ti inna- mora a prima vista. È un po’ meno allettante quan- do piove, e questo capita
in media una volta nelle
24 ore. Siamo nel cuore della selva umida tropica- le.
Cosa faccio a Ladrilleros? Ci sono capitato là tre an- ni fa come turista e spero lasciare le mie ossa nella
bella cavea che il mare ha scavato lungo il litora- le. Risiedo a Cali, però in Ladrilleros, La Barra e Guanchaco – i tre paesetti disseminati a poca di- stanza l’uno dall’altro – è sorta una fondazione sen- za scopo di lucro che si propone di far qualcosa per la gioventù offrendo loro alternative per mi- gliorare la situazione sta- gnante in cui si trovano.
Il mio peccato fu lanciare l’ idea ad alcuni amici quando venni in Italia. La cosa interessò, stanno aiutando e speriamo con
il nuovo anno di iniziare in serio un’attività agro-sil- vo-pastorale con l’idea di riformare il mondo. Intanto il Cristo de los de- sterrados che mi è appar- so mi dice che lì vuol im- piantarsi. Io desidero dir- gli di sì, però intanto mi trovo nei pasticci, come il profeta Geremia; questa è la storia. Tu ricamaci su… e si vedrà. Caminante, no hay camino, se hace ca- mino al andar (Viandante, non c’è il cammino, si
crea camminando). È ov- vio che vivo in Cali, però quando si affaccia il ri- schio di ammuffire, il ri- chiamo della selva mi fa scattare e Ladrilleros mi aiuta a ringiovanire. A presto.
Vicente
Ladrilleros, 26/11/2011

VI ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI DON ANDREA SANTORO Pubblichiamo ora queste riflessioni di Don Andrea Santoro in preparazione al VI anniversario del suo martirio. Non è stato possibile pubblicarle l’anno scorso, in occasio- ne del V anniversario, perché erano arrivate quando la rivista era già
in stampa. Le proponiamo perché il valore di queste parole, firmate con il sangue, non svani- sce col tempo.

Don Andrea Santoro, sa- cerdote fidei donum della diocesi di Roma è stato ucciso (con due colpi di pistola) il 5 febbraio 2006 mentre pregava nella chiesa di S. Maria a Trab- zon (Turchia).
In questo momento stori- co di dibattito e di crisi sulla identità religiosa, sul dialogo e convivenza tra popoli, richiamiamo brevemente alcuni pen- sieri che don Andrea, nei suoi anni di vita sacerdo- tale a Roma e in Turchia, ha ripetuto spesso ai suoi parrocchiani e ha scritto nei suoi diari e nelle sue lettere per aiutarci a su-
perare certe logiche di di- sgregazione della propria identità e di divisione tra realtà diverse.
Don Andrea aveva parti- colarmente a cuore il rapporto tra l’Oriente e l’Occidente, la relazione fra le tre religioni che hanno avuto origine nel Medio Oriente: l’ebrai- smo, il cristianesimo e l’islamismo.
Don Andrea diceva:
… l’identità cristiana
non è una identità territo- riale e neppure semplice- mente culturale. È un’i- dentità evangelica: è il sale di Cristo in noi, è la nostra trasformazione in Lui…è la visibilità di Cri- sto attraverso noi, è lo scrivere il vangelo nel nostro essere, sentire e vi- vere;
… dialogo e convivenza
non è quando si è d’ac- cordo con le idee e le scelte altrui ma quando gli si lascia posto accanto alle proprie e quando ci si scambia come dono il proprio patrimonio spiri- tuale, quando a ognuno è
dato di poterlo esprimere, testimoniare e immettere nella vita pubblica oltre che privata;
… non bastano inter-
venti di natura politica, di- plomatica o militare, e neanche un generico di- battito culturale… Occor- re una mobilitazione più profonda delle coscienze, ponendosi domande che toccano il cuore della no- stra fede e del nostro rap- porto con Dio, le pratiche abituali del nostro modo
di pensare e di vivere, le relazioni tra persone, po- poli e fedi diverse… Ci so- no mutamenti profondi che Dio chiama tutti noi a compiere;
… imporre o soffocare
non è degno né di Dio né dell’uomo. Spesso l’occi- dente ignora questo dirit- to in cambio di interessi economici o vantaggi po- litici. Si tratta di una pro- blematica scottante. Ma la realtà è che spesso il potere, sotto qualunque forma si presenti, politica o religiosa, serve solo se stesso o il bene di alcuni a danno di altri. La paura di dare all’altro ciò che si reclama per sé… arma le mani e il cuore…
(pochi giorni prima di
essere ucciso aveva scrit- to) … due errori credo sia- no da evitare: pensare che non sia possibile la convi- venza tra uomini di reli- gione diversa oppure cre- dere che sia possibile solo sottovalutando o accanto- nando i reali problemi, la- sciando da parte i punti su cui lo stridore è maggiore, riguardino essi la vita pubblica o privata, le li- bertà individuali o quelle comunitarie, la coscienza singola o l’assetto giuridi- co degli stati. Crediamo che questi pensieri possa- no essere elaborati da tutte le persone di “buona volontà”, che siano cre- denti e non credenti, che
si richiamino alla sola ra- gione o anche alla Rivela- zione, perché ognuno possa aprirsi ad un dialo- go vero (e non ad un mero dibattito), che porti ad una convivenza pacifica nel ri- conoscimento e rispetto reciproco.
Associazione
Don Andrea Santoro

Bibliografia:
Lettere dalla Turchia, Città Nuova, 2006 – Diario di Terra Santa, San Paolo, 2010 – DVD, La fede è partenza, Città Nuo- va 2007 – DVD, Don Andrea Santoro sacerdote e parroco
a Roma, Associazione don
Andrea Santoro 2010.

RICORDANDO P. ALEX MORESCHI
È morto venerdì 9 settem- bre a Malonno (Brescia), all’età di 66 anni, di cui 43 di professione religiosa e
38 di sacerdozio, padre A- lessandro Moreschi, Mis- sionario della Consolata, per anni membro e ani- matore della comunità operante a S. Valentino (Castellarano). Il funerale si è tenuto a Malonno do- menica 11 settembre. Padre Alex, dopo anni di missione in Kenya, era rientrato in Italia per oc- cuparsi dell’animazione missionaria. È così che lo abbiamo conosciuto in Diocesi e in particolare al Centro Missionario, sem- pre estremamente dispo- nibile e collaborativo, sia per l’attività ordinaria co- me per i servizi straordi- nari, quali l’accompagna- mento di giovani nei viaggi missionari in Madagascar e in Rwanda (e anche Tan- zania e Kenya).
Lo ricordiamo con affetto, riconoscenza ed ammira- zione per la generosità, per la franchezza, per la libertà interiore e la pa-
zienza, di cui ha dato prova straordinaria in questi ul- timi due anni, alle prese con la malattia inesorabile che lo ha consumato…
Il Centro Missionario Diocesano di Reggio Emilia

P. Alex Moreschi è stato ospite delle pagine di questa rivista più di unavolta (l’ultima su MC 7-8/2008, pag. 70), sia quando era in missione in Kenya che quando impe- gnato nell’animazione missionaria qui in Italia. Appassionato lettore e critico della rivista, pochi giorni prima del suo ri- too alla casa del Padre ci aveva scritto una lunga lettera. Ve ne offriamo
dei passaggi.

Complimenti,
la rivista ha migliorato tantissimo ultimamente.
I dossier sono interessan- ti, specie l’ultimo sul capi- tolo e il carisma dei mis- sionari della Consolata. Devo dirvi che una coppia che era anche impegnata missionariamente mi ha chiesto di disdire l’abbo- namento. Le motivazioni sono due: è troppo impe- gnativa negli articoli, per- ché troppo approfondita e densa. Il secondo motivo perché è di parte e setta- ria su qualche argomen- to, cioè non scopre il ro- vescio della medaglia su certe questioni (OGM, Madre terra, palestinesi, politica sud americana, etc.).
Si vuole scrivere troppo, senza tenere presente a chi va la rivista e chi la legge (in genere gente che ha da fare e non ha tempo di approfondire e anche anziani).
Ho in mente dei mensili che scrivono di argomenti molto impegnativi e sono più snelli, essenziali, scritti chiari con caratteri più grossi. La nostra rivi- sta sembra che voglia esaurire lo scibile in pagine difficili da affrontare. Recentemente si rispon- deva a dei seminaristi
che non volevano più ricevere la rivista perché ne ricevevano troppe. Nella risposta si argomentava che la nostra rivista è a difesa dei poveri, degli impoveriti del Sud del mondo, che combatte le ingiustizie sociali ed eco- nomiche del pianeta. Sa- crosanta verità, ma se l’accesso a questo stru- mento è difficile come
farà la rivista a raggiungere il suo scopo?
I complimenti sono molti e la rivista ha acquistato un aspetto più missiona- rio, almeno un po’ di più. Certe rubriche sono un po’ tendenziose e non og- gettive […].
Avendo molto tempo a di- sposizione ho letto molto
«Missioni Consolata» spinto anche da qualche padre che neppure la a- pre e anche da altre per- sone che hanno la stessa idea di parzialità.
Una coppia di giovani ai quali ho mandato la rivi- sta la ritiene molto buona però dovrebbe essere più snella e accessibile a vari ceti di persone.
Tanti auguri!

Alex Moreschi
23/8/2011