DAL 1899 L’UMANITÀ IN PRIMA PAGINA

Questo sito, per scelta, NON fa pubblicità, NON richiede registrazioni di sorta, NON è a pagamento.

* Per non fare concorrenza «sleale» alla copia stampata,

la nuova rivista è online dalle prime ore del 16° giorno di ogni mese di uscita.

Nonna, mi sposo…

«Nonna, mi sposo…»

M ara esordì così con nonna Teresa, per annunciare il suo matrimonio con Alessio.
«Avete già parlato con il parroco» domandò la nonna, intenta a ricamare a punto croce una pezzuola di lino, formato 15×15.
– Ma che domanda, nonna! In parrocchia abbiamo anche frequentato il corso di preparazione al matrimonio. E ti pare che non abbiamo concordato con il don…
– Già, ragazza mia! E…
– E tu, nonna, che stai facendo?
– Sto ricamando, come vedi…
Squillò il telefono. Mentre Teresa attendeva alla chiamata, Mara prese in mano il ricamo della nonna. «Va bene, signorina – diceva la nonna al telefono. Mancano solo cinque ricami. Poi attaccherò un cucchiaino africano. Tutto sarà pronto per la fine della settimana…».
– Nonna, non sapevo che tu, pensionata da anni, lavorassi ancora.
– Beh, il mio lavoro è volontariato.
– Insomma, nonna, che stai facendo?
– Lo vuoi proprio sapere? Sto completando una serie di 100 bomboniere per due sposi…
La ragazza sgranò i suoi grandi occhi neri. «Chi sono gli sposi?».
– So soltanto che abitano a Napoli.
– Cavoli, nonna! Tu pensi alle bomboniere di due sposi sconosciuti, e per tua nipote…

T eresa ha conosciuto tempo fa gli «Amici Missioni Consolata» di Torino, un’associazione che da anni è impegnata con vari progetti in favore delle popolazioni in ogni parte del sud del mondo. Propone anche bomboniere alternative, confezionate anche dalla signora Teresa.
Sono bomboniere per battesimi, prime comunioni, cresime, matrimoni… come le altre. Però hanno un valore umano diverso, perché esprimono anche solidarietà con i più poveri nel sud del mondo.
Invitato a nozze, ti viene consegnata la bomboniera alternativa. L’oggetto è prezioso, perché gli sposi, con i soldi non spesi per la bomboniera tradizionale, hanno contribuito, per esempio, a costruire un asilo per bimbi nati sieropositivi in un villaggio africano. Così facendo, hanno compiuto un gesto di solidarietà anche a nome tuo.

Sei interessato/a alla «bomboniera alternativa»?
Contatta: Maria Carpaneto: tel. 011/56.82.471;
011/81.31.007; e-mail: elecarpa@virgilio.it

Silvia Lanna