Rivista Missioni Consolata – 120 anni

DAL 1899 L’UMANITÀ IN PRIMA PAGINA

Mongolia: ricordando mons Wenceslao Padilla

Mons Wenceslao Padilla: Seme gettato – il ricordo di un missionario della Consolata

Se n’è andato così, in punta di piedi, in una sera di autunno mongolo, mentre la natura si stava già preparando al grande inverno. Dopo 26 anni di ininterrotto servizio al Vangelo in uno dei Paesi che più aveva resistito all’annuncio cristiano, la Mongolia. La “sua” Mongolia, sarebbe da dire, visto che del grande Stato centro-asiatico Mons. Padilla aveva seguito tutto il travaglio nella delicata fase di transizione dalla Repubblica Popolare alla nazione democratica.

Aprile 2017. Mons. Marco Sprizzi, vice-capo della missione diplomatica della Santa Sede in Corea e Mongolia con il Prefetto Apostolico di Ulaanbaatar, mons. Wenceslao Padilla in visita al museo di Kharkhorin, dove proprio grazie al suo intervento è stata donata una copia autentica della lettera di Papa Innocenzo IV all’imperatore mongolo Guyuk Khan (1245).

Dal suo arrivo nel 1992 insieme a due confratelli della Congregazione del Cuore Immacolato di Maria (Scheut), Ulaanbaatar era diventata casa sua; prima in una stanza d’albergo, poi in un alloggio affittato e finalmente nella palazzina da lui stesso costruita come sede ufficiale della Chiesa. Ritornava spesso su quei primi anni pionieristici, segnati dal bisogno di instaurare rapporti con le autorità locali, che vedevano nella Chiesa Cattolica un partner affidabile, ma che non erano per nulla avvezzi ad avere tra loro dei missionari stranieri. E così Mons. Wenceslao Padilla – che, originario delle Filippine, veniva da un’intensa esperienza missionaria a Taiwan, dove era stato superiore provinciale – si votò completamente a questa causa, riuscendo in pochi anni a guadagnarsi la stima del governo e la simpatia della gente, soprattutto attraverso una fitta rete d’iniziative di promozione umana e sviluppo. Nessun dubbio che dovesse essere proprio lui a diventare il primo vescovo di una Chiesa appena agli inizi. Nel 2003 la consacrazione episcopale, per le mani dell’allora Segretario di Propaganda Fide, il Card. Crescenzio Sepe.

 

Aprile 2017. Mons. Marco Sprizzi, vice-capo della missione diplomatica della Santa Sede in Corea e Mongolia con il Prefetto Apostolico di Ulaanbaatar, mons. Wenceslao Padilla in visita alla comunità di Arvaiheer, dove è stato piantato un albero per ricordare il 25mo anniversario della ri-fondazione della Chiesa Cattolica in Mongolia (1992).

Nel frattempo, la presenza missionaria cresce, con l’arrivo di congregazioni disposte a collaborare nel dissodare il campo; cresce lentamente anche la comunità cattolica locale. Lui accetta la sfida e non si tira indietro, anzi favorisce una maggiore organizzazione interna, fino alla celebrazione dell’assemblea generale dello scorso novembre. Il lavoro non mancava mai; la sua scrivania era sempre sommersa di carte, che lui diligentemente passava una ad una, con la determinazione di non scontentare nessuno.

Tanti anni di lavoro così intenso, spesso segnato da difficoltà e situazioni delicate da districare, hanno consumato le sue forze. Fino a lasciarlo proprio lì, nel suo ufficio, alla sua postazione usuale di lavoro, come a suggellare una vita spesa per la diffusione del Regno di Dio. La figura del vescovo in una giovane porzione di Chiesa che si confronta con altre tradizioni è molto importante; egli è veramente il punto di riferimento di quella piccola minoranza costituita dai Cattolici, in un contesto prevalentemente buddhista e sciamanico, con ancora i postumi dell’ateismo di stato degli anni del comunismo.

Mons Wenceslao Padilla alla missione di Arvaiheer nell’aprile 2011.

Siamo molto grati a Mons. Padilla, che aprì le porte alla Consolata nel 2003, accogliendo con entusiasmo i nostri primi missionari e missionarie e sostenendoli sempre nel loro discernimento comunitario. Di lui si può dire che è riuscito ad evangelizzare anche attraverso la propria morte; è lui infatti il primo missionario a morire in Mongolia e la gente già vede in questo il segno del chicco di grano che muore per portare frutto.

padre Giorgio Marengo, imc

Questo slideshow richiede JavaScript.