DAL 1899 L’UMANITÀ IN PRIMA PAGINA

Questo sito, per scelta, NON fa pubblicità, NON richiede registrazioni di sorta, NON è a pagamento.

* Per non fare concorrenza «sleale» alla copia stampata,

la nuova rivista è online dalle prime ore del 16° giorno di ogni mese di uscita.

Serenate nostalgiche

Cari missionari,

era necessario, per mantenersi «progressisti e anticonformisti», assumere Giulietto Chiesa? Siamo ancora legati al pregiudizio che essere marxisti o di estrazione marxista sia garanzia di apertura mentale?
L’affermazione che fu la Russia ad abbattere la dittatura nazista richiede una precisazione. Con la battaglia di Stalingrado si decisero le sorti della potenza militare germanica, non l’avvento della libertà dopo il nazismo: in molti stati liberati ci fu la sostituzione con una dittatura altrettanto feroce. Quanto ai 20 milioni di morti russi, essi non furono vittime del conflitto, ma delle «purghe» del sistema marxista (leggere «Il libro nero del comunismo»).

Sono stanca di serenate nostalgiche ad un’ideologia aberrante e dalla complicità ideologica con i suoi ultimi esponenti…

Giulia Guerci

Ci sforziamo di essere evangelici, non anticonformisti. Né siamo di estrazione marxista: l’abbiamo affermato, ancora una volta, con l’editoriale di maggio prendendo le distanze, per esempio, da Fidel Castro.

Giulia Guerci