DAL 1899 L’UMANITÀ IN PRIMA PAGINA

Questo sito, per scelta, NON fa pubblicità, NON richiede registrazioni di sorta, NON è a pagamento.

* Per non fare concorrenza «sleale» alla copia stampata,

la nuova rivista è online dalle prime ore del 16° giorno di ogni mese di uscita.

Il deserto alla gola

Visione panoramica del deserto di Efraim con il wadi Qelt
Italia
Luca Lorusso

Come da bambino tra le braccia di tuo papà, tranquillo come quando riposavi sul seno di tua mamma, così ti sei sentito al Giordano (cfr Lc 3,22). E ancora adesso, dopo quaranta giorni di fame e arsura. «Figlio. Figlio prediletto», senti all’orecchio del tuo cuore, «in te mi sono compiaciuto, figlio. Figlio». Da quaranta giorni il vento ti ripete le parole di tuo Papà. E conferma che tutto ti è dato. Nulla ti è chiesto in cambio. Sei conservato con cura nelle mani dell’amore.

Da quaranta giorni, tuttavia, il deserto ti si aggrappa alla gola con un fuoco che ti inquieta (cfr Lc 4,1-13): il sospetto che sia tutto illusione, un vacillare della tua identità. «In questo mondo di fame e violenza, non attenderti il pane dagli uomini. Il pane è finito. Usa le pietre, e non le loro mani, per generare altro pane. La speranza è sfiorita in un pugno di sabbia. Attira tutti a te con la tua grandezza, e mostra loro quanto ignobile è la loro vita perché si convertano alla tua gloria».

«Sempre che tu sia figlio, a condizione che tu davvero sia figlio».

Ma tu lo sai che sei figlio. E che ti è stata data ogni cosa non per la tua gloria, ma per quella del Padre, non per la condanna, ma perché nessuno venga perduto, e perché chi è perduto venga ritrovato.

Da quaranta giorni capita che, di tanto in tanto, per un momento, la voce del vento sia sovrastata da un rombo che sale dalla terra. È il tremore del suolo battuto dai piedi dell’umanità che come atterrita da se stessa, in affanno per conservare la propria vita: «È vero che sei figlio. Allora va.

E, con le tue prerogative, salvali. Ecco tutti i regni della terra. Governali tu, re sapiente e salvatore. Dal trono donerai loro, finalmente, la giustizia, quella che da secoli invocano. E con il tuo potere, non moriranno più».

Ma tu sai che la tua sapienza sta nella piccolezza e non nel potere, nella debolezza e non nella forza, nell’incontro di occhi e non nella costrizione. Tu lo sai che tuo Padre non abita palazzi, ma il cuore dell’uomo, e che la morte non è l’ultima parola sulla vita, ma una porta.

E il vento fa sentire di nuovo la sua voce. Il Padre ama l’uomo come ama te, gli dà il potere di essere suo figlio, come lo sei te.

E tu vieni sospinto tra la gente. Tutto ti è donato. Tutto ti doni.

In questo tempo di Quaresima, buon cammino di abbandono nelle mani dell’Amore da amico

Luca Lorusso


Sul sito di Amico trovi per questo mese:

  • Incontro di preghiera. Le sette domeniche
  • Progetto Kenya: A scuola sotto un tetto
  • Missione e missioni: Missione è anche… punteggiatura
  • Parole di corsa: #CAMminiamo #Cambiamo

Leggi tutto, clicca qui:

Italia
Luca Lorusso