DAL 1899 L’UMANITÀ IN PRIMA PAGINA

Questo sito, per scelta, NON fa pubblicità, NON richiede registrazioni di sorta, NON è a pagamento.

* Per non fare concorrenza «sleale» alla copia stampata,

la nuova rivista è online dalle prime ore del 16° giorno di ogni mese di uscita.

Narrare la misericordia di Dio

Il pensiero di papa Francesco
Papa Francesco ha una
visione di Dio come luogo della misericordia. Essa è un vero e proprio
baricentro del modo di vedere e operare di Dio. «Non c’è alcun limite alla
misericordia», diceva domenica 6 aprile 2014. E ancora: «Dio ha tanta
misericordia con noi. Impariamo anche noi ad avere misericordia con gli altri,
specialmente con quelli che soffrono».


Clicca sull’immagine qui sotto per leggere l’articolo nello sfogliabile pdf

Come papa Francesco, anche Giovanni Paolo II sottolineava il tema
della misericordia: «Al di fuori della misericordia di Dio non c’è nessun’altra
fonte di speranza per gli esseri umani», e aggiungeva: «In Cristo Gesù, Dio ha
assunto davvero un cuore divino, ricco di misericordia e di perdono, ma anche
un cuore umano, capace di tutte le vibrazioni dell’affetto». Questo spiega come
mai Giovanni Paolo II abbia istituito un giorno dedicato proprio alla
misericordia, la domenica dopo la Pasqua, nonostante tutta la liturgia sia già,
di per sé, piena di termini che rimandano a essa.

Ciò
che caratterizza la catechesi di papa Francesco è il primato della misericordia
in tutta la sua azione pastorale.

Il
primato della misericordia, riferito a una delle Beatitudini («Beati i
misericordiosi, perché troveranno misericordia», Mt 5, 7), è stato indicato dal
papa anche come tema della giornata mondiale della gioventù che si terrà nel
2016 a Cracovia, la città polacca dove Giovanni Paolo II fu vescovo negli anni
1964-1978.

Ma il
tema scelto da papa Bergoglio ci suggerisce che sono misericordiosi anche gli
uomini capaci di sentire come proprie le miserie e le difficoltà degli altri,
che si preoccupano e si danno da fare di fronte alla sofferenza altrui. È
questa una grazia, un puro dono di Dio. Chi lo riceve rimane radicalmente
orientato a comportarsi allo stesso modo di Dio con tutti gli altri, uomini e
donne, di qualsiasi età e condizione sociale.

Papa
Francesco parla continuamente di misericordia, e la gente ha recepito subito e
bene. Uno dei ricordini che a Roma i pellegrini comprano di più è la «misericordina»,
una scatoletta simile a quelle dei farmaci con dentro un rosario. Non soltanto
ai pellegrini papa Francesco parla in questo modo, ma anche agli intellettuali
agnostici, come è successo con la lettera che ha scritto a Eugenio Scalfari, il
fondatore del quotidiano la Repubblica: «La misericordia di Dio è
infinita, non ha limiti, la verità di Dio è l’amore…». Papa Francesco definisce
Dio come misericordia, così come l’evangelista Giovanni definisce Dio come
amore; in fondo entrambi dicono la stessa cosa, perché per sua natura l’amore è
misericordioso.


Vi è un testo molto bello nel libro del profeta Osea: «A Efraim io
insegnavo a camminare, ma essi non compresero che avevo cura di loro. Io li
traevo con legami di bontà, con vincolo di amore, ero per loro come chi solleva
un bimbo alla sua guancia; mi chinavo su di lui per dargli da mangiare. Come
potrei abbandonarti, Efraim […]. Il mio cuore si commuove dentro di me, il mio
intimo freme di compassione […] perché sono Dio e non uomo; sono santo in mezzo
a te e non verrò nella mia ira» (Os 11, 1-9).

Efraim
è il secondo figlio di Giuseppe, nato in Egitto, fratello di Manasse. I profeti
usarono questo nome per indicare l’intero regno di Israele. Ma che cosa dice il
testo?

* Dio si cura di noi e ci insegna a camminare, ci guida come un padre.
* Usa verso di noi legami di bontà e vincoli di amore.

* Ci porta in braccio fino a
toccare la nostra guancia con la sua.

* Si china su di noi e non ci abbandona.
* Si commuove e freme di compassione.

E tutto questo perché è santo e non si adira contro di
noi.

Siamo di fronte al paradosso incomprensibile dell’amore
di Dio per noi. Dio è il santo, il trascendente: la sua santità, la sua natura
misteriosa è il solo fondamento possibile della sua misericordia verso chi si
allontana da Lui e lo abbandona con il peccato (Gr 3, 12-19; 31, 20).

Vi è un altro testo del profeta Osea che mette bene in
luce la bontà amorosa di Dio: «Ella inseguirà i suoi amanti, ma non li
raggiungerà; li cercherà senza trovarli. Allora dirà: “Ritoerò al mio marito
di prima perché ero più felice di ora […]. Perciò, ecco, l’attirerò a me, la
condurrò nel deserto e parlerò sul suo cuore […]. Ti farò mia sposa per sempre,
ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nella benevolenza e
nell’amore, ti fidanzerò con me nella fedeltà e tu conoscerai il Signore» (Os
2, 8-9. 16. 21-22).

Osea ha fatto l’esperienza di un amore che l’ha tradito,
la sua donna lo ha lasciato. Attraverso l’esperienza del peccato Israele ha penetrato
a poco a poco la profondità della bontà e della misericordia di Dio. Dio è sempre disposto all’amore per un figlio ingrato; è
lo sposo sempre fedele, pronto ad accogliere la sposa infedele. Dio è solidale con il suo popolo, lo mette davanti al suo
peccato e lo provoca al pentimento.

Ma fino a che punto Dio si può impegnare con gli uomini? Fino a che
punto arriva il suo perdono e la sua misericordia? Gesù solo può rispondere a
queste domande. Egli, infatti, ha il compito di rivelare la misericordia del
Padre. Fin dall’inizio del suo Vangelo, Luca canta la misericordia di Dio: essa
si estende di età in età, di generazione in generazione; si manifesta nella
nascita di Giovanni Battista; Zaccaria proclama che Dio ha concesso la sua
misericordia ai padri antichi e che, con la nascita di Giovanni, inaugura
l’opera della sua misericordia.

Tutti gli atti di Gesù si pongono in questa linea: «Io
voglio misericordia, non sacrifici», «Sono venuto per i peccatori, non per i
giusti». È il suo programma di vita e di annuncio. È la misericordia di Dio. Per
questo Gesù predilige i poveri, è l’amico dei pubblicani, siede alla loro
tavola, lascia che gli si avvicini una peccatrice e con infinita delicatezza la
perdona. Gesù è venuto a «cercare e salvare ciò che era perduto» (Lc 19, 10;
cfr. Lc 4, 18; 7, 22.34.39; 19, 5).

Spesso gli evangelisti usano un verbo molto significativo per
indicare la misericordia di Dio verso di noi: «Commuoversi fin nell’interiora»,
sentire uno sconvolgimento simile a quello della madre verso il figlio portato
nell’utero. Misericordia è come la dimensione matea dell’amore. E questo
termine è usato dagli evangelisti per descrivere le azioni di Gesù che ne
evidenziano la missione. Ecco alcuni esempi: «Sbarcando, Gesù vide una folla
numerosa e si commosse per loro, perché erano come pecore senza pastore, e si
mise a insegnare loro molte cose» (Mc 6, 34; cfr. Mt 14, 14). Matteo usa
un’espressione che riassume il mistero di Gesù: «Vedendo le folle ne sentì
compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore senza pastore» (Mt 9, 36).

Gesù
si comporta come il Dio di misericordia descritto nell’A.T., le cui viscere
tremarono alla vista del popolo oppresso dai peccati e dalla schiavitù
d’Egitto. Così Gesù appare senza difesa davanti alla miseria e alla sofferenza
degli uomini, è la misericordia incarnata di Dio. La parabola del Figliol
Prodigo o, meglio, del Padre buono e misericordioso, del Padre con viscere di
madre, è una chiara testimonianza. Vi è evocata tutta la storia dell’A.T. Il
figlio più giovane (come Israele), si allontana dal padre (da Dio), e fa
esperienza di peccato, di povertà e fame. Ricorda il tempo dell’abbondanza e,
come la sposa di Osea, dice: «Mi leverò e andrò da mio padre». Il padre è lì in
attesa e, quando il figlio è ancora lontano, lo vede, si commuove, gli corre
incontro e lo bacia. Di fronte a questo atteggiamento, scribi e farisei sono
sconcertati. 

La misericordia di Dio si estende a tutti gli
uomini. Lo sottolinea in particolare Paolo: «Dico infatti che Cristo si è fatto
servitore dei circoncisi in favore di Dio vero, per compiere le promesse dei
padri: le nazioni pagane invece glorificano Dio per la sua misericordia» (Rm
15, 8-9). Pagani e giudei, tutti sono uguali davanti a Dio, perché tutti hanno
peccato e tutti hanno assoluto bisogno della misericordia di Dio. È questa la
teologia contenuta nella lettera ai Romani, riassunta con incisività e vigore
in Ef 2, 4-7: «Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale
ci ha amati, da morti che eravamo per i peccati, ci ha fatti rivivere in
Cristo; per grazia infatti siete stati salvati e ci ha risuscitati in Cristo
Gesù, per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua
grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù». A causa della sua
misericordia Dio ci salva. La parola chiave di tutta la storia umana in
relazione a Dio è dunque la misericordia.

Uno degli aspetti essenziali della misericordia di Dio è
la gratuità. Dal momento in cui Dio ha deciso di avvicinarsi all’uomo per farsi
conoscere, ha già preso la decisione di perdonarlo. L’incontro di Dio con
l’uomo è sempre in vista del perdono, della pace, della riconciliazione. La
storia della salvezza non è altro che la storia di questo incontro, che diventa
totale e decisivo fino a farsi definitivo in Cristo Gesù. «Quando però si sono
manifestati la bontà di Dio e il suo amore per gli uomini, egli ci ha salvati
non in virtù di opere di giustizia da noi compiuta, ma per sua misericordia
mediante il lavacro di rigenerazione e di rinnovamento nello Spirito Santo,
effuso da lui su di noi abbondantemente per mezzo di Gesù Cristo, salvatore
nostro, perché giustificati dalla sua grazia diventassimo eredi, secondo la
speranza, della vita eterna» (Tt 3, 4-7). Proprio perché totalmente gratuita,
senza supporre nulla da parte dell’uomo peccatore, la misericordia chiede di
essere accettata e creduta. Il Signore è vicino all’uomo per donargli la sua
misericordia.

Dire misericordia è dire qualcosa di inaudito sulla vita intima di
Dio. Non vuole dire quindi solo che Dio ci riconcilia a Lui, ma anche che egli
si svela come misericordioso. È questo un mistero che supera le nostre capacità
di comprendere Dio nella sua realtà. C’è un mistero di sovrabbondanza del dono
di Dio, di misericordia, al punto che Paolo esclama: «Dio ha rinchiuso tutti
nella disobbedienza in rapporto al peccato, per usare a tutti misericordia […].
O profondità della ricchezza, della sapienza e della scienza di Dio! Quanto
sono impenetrabili i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie! Infatti, chi mai
ha potuto conoscere il pensiero del Signore? […] O chi gli ha dato qualcosa
per primo, sì che abbia a ricevee il contraccambio? Poiché da lui, grazie a
lui sono tutte le cose» (Rm 11, 32-36). La misericordia di Dio non è dunque un
attributo secondario: è il volto stesso dell’amore di Dio per noi. Per questo
Dio non si pentirà mai di essere misericordioso. La misericordia impegna
l’amore infinito ed eterno che è Dio: «Dio è amore», ha scritto l’evangelista
Giovanni.

Una
misericordia che cancella totalmente il peccato. La misericordia che si
manifesta attraverso la persona di Cristo non è mai arrogante, ma è quella di
un servitore dolce e umile di cuore. Non cade dall’alto, non mantiene le
distanze, si fa semplice, vicina. Non è sentimentalismo. È la misericordia di
Dio che cancella veramente il peccato. Il suo primo effetto è di perdonare,
rialzare, guidare.

A
volte si dice che l’insistenza del cristianesimo sul peccato ha ossessionato
patologicamente l’umanità. Un certo modo di presentare le verità cristiane può
avere favorito una tale interpretazione, e avere dinanzi certi confessori
anche. Occorre sempre ricordare che non si può mai slegare il peccato dal
perdono e dalla misericordia di Dio. La misericordia ha la capacità di
risvegliare il peccatore: «Se son caduto, mi rialzerò; se siedo nelle tenebre
il Signore sarà la mia luce» (Michea 7, 7-9).

Infine la misericordia è la prima e ultima
parola della fede. Le difficoltà e la durezza dell’esistenza, per chi accetta
la parola di Dio, acquisiscono un tono, un significato diverso e nuovo. Il
mondo nella sua concreta realtà di bene e di male appare più accettabile.
Accanto alla durezza della vita, il credente scopre la misericordia matea e
patea di Dio. Solo in questa prospettiva si possono comprendere il senso
degli avvenimenti della nostra vita e della nostra storia umana. È questa la
sconcertante rivelazione di fronte alle tragedie umane: «Voi siete i miei
testimoni, che io mi sono scelto perché mi conosciate e crediate in me e
comprendiate chi sono io». Chi crede osa leggere gli avvenimenti nel linguaggio
della misericordia, dell’amore e della bontà di Dio per noi, e acquisisce la
facoltà di illuminare la durezza dell’esistenza e della storia umana. Lo dice
il salmo 103/102, 8: «Buono e pietoso è il Signore, lento all’ira e grande
nell’amore», frase che l’evangelista Matteo invita a tradurre in una
Beatitudine: «Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia» (Mt 5,
7).

Giampietro Casiraghi

Giampietro Casiraghi