Rivista Missioni Consolata – 121 anni

DAL 1899 L’UMANITÀ IN PRIMA PAGINA

Provocazionidi un missionario che si vergogna do essere italiano

Caro direttore,
ti scrivo a proposito della provocazione missionaria dal titolo «Triste sorpresa» (Missioni Consolata, settembre 1998). L’articolo dà voce ad un missionario in vacanza, che resta sconcertato da una scoperta: le «lucciole» nere, presenti nelle nostre città. L’articolo non mi è piaciuto. Mi sono chiesto che cosa possa esserci di «provocazione missionaria» in fatti del genere.
Forse – tu mi dirai – bisogna essere scanzonati per essere aggioati. Comprendo il tuo compito di direttore: compito non facile. Quindi prego per te. Benvenute, certo, anche le novità. Ma devono essere novità che gridino: «Venite. Partiamo per le missioni, e non solo per un mese o un anno!».

p. Giuseppe Mina – Alpignano (TO)

Egregio direttore,
prima di rivolgermi a lei ho parlato con un suo confratello del mio disappunto a proposito dell’articolo «Triste sorpresa». Alcuni argomenti, esposti così come sono, fanno più male che bene. Certi fatti basta accennarli e chi deve saperli li capisce subito. Diversamente, scandalizziamo i piccoli che leggono, e sono tanti.

(Firma illeggibile) – Torino

Grazie, cari amici, della preghiera e del richiamo a non scandalizzare i piccoli. Questi, però, date le vaste e visibili dimensioni della prostituzione, forse non si scandalizzano più. Però certe «tristi sorprese» non ammettono scanzonature.
D’accordo: il tema «lucciole» è scabroso e (soprattutto) «immorale», perché semina numerose vittime e produce fiumi di denaro sporco. E, poiché le vittime provengono spesso dal Sud del mondo, come rivista missionaria possiamo forse tacere?

Spettabile redazione,
grazie al missionario che, su Missioni Consolata di settembre 1998, si vergogna di essere italiano! Grazie alle innumerevoli famiglie italiane che sono costrette a subire lo spettacolo delle «sorelle» in attesa dei clienti! Che dire poi degli italiani onesti che abitano lungo quelle strade o che, per necessità, devono passarci per rientrare in casa? A questi nessuno pensa, nemmeno i missionari! A nulla valgono le proteste di questi poveri italiani, soli e abbandonati da tutti.
I clienti sono i più colpevoli e, infatti, tutte le leggi sono contro di loro. Le donne vengono assolte, perché costrette alla prostituzione dalla miseria e perché – si dice – esercitano il mestiere più antico del mondo. È un mestiere sotto protettori, che rende lauti guadagni. Ci sono sfruttatori, che reclutano donne ingenue in vari paesi: ritirano loro il passaporto, le mettono sul marciapiede e riscuotono.
Perciò, caro missionario, non fare l’ipocrita. Di’ alle donne che vogliono venire in Italia che qui non c’è lavoro… e mostra loro le foto della vita che le attende!
Ho assistito a un dibattito televisivo sulla prostituzione. Vi partecipavano anche alcuni neri; uno (che difendeva le donne di colore introdotte in Italia con inganno) disse che queste, oggi, conoscono la loro sorte. A Milano le nigeriane hanno scalzato le albanesi; però la malavita albanese tiene ancora in pugno la città… Durante la trasmissione televisiva una «lucciola» brasiliana, non più giovanissima, raccontò che il suo lavoro le ha fruttato un lussuoso appartamento, idem una macchina e un figlio che studia in un prestigioso collegio. Non smette di lavorare, perché non ha ancora svolto del tutto il suo programma. Ma teme tantissimo che, presto o tardi, il figlio venga a conoscere la verità, mentre oggi ritiene la mamma una «grande signora» che svolge un importante lavoro in Italia.
Grazie, caro missionario, di vergognarti di essere italiano. Noi, però, dobbiamo subire innumerevoli soprusi, ingiurie e disprezzi da parte di «fratelli» di tutto il mondo, che credono di trovare in Italia il paradiso terrestre: e, pur non trovandolo, nessuno di loro ritorna al proprio paese. Qui i clandestini stanno bene e sono tanti: mangiano, bevono, dormono e molti derubano i loro stessi benefattori e ammazzano. Che dire, poi, degli albanesi che si acquattano tra le macchine e poi violentano le ragazze che escono di scuola?
Lo so che pure gli italiani fanno altrettanto. Perché allora, invece di eliminare questo bubbone dalla società o, almeno, limitarlo combattendolo, dobbiamo aggiungere questi nuovi elementi cacciati dalle loro nazioni… e i locali governi sono ben contenti di levarseli di too. Bisogna fare pulizia in Italia, in questo paese bacchettato dal mondo e dagli italiani medesimi, come quel missionario che si vergogna di essere italiano.
È per amore della verità che ho scritto questa lettera, ricordando che la medaglia ha due facce. Questo lo deve ricordare il missionario che si vergogna e lo dobbiamo ricordare tutti quando bacchettiamo solo una parte.
Signor direttore, non commetta l’ingiustizia di buttare questa lettera.
Rosangela – Brindisi

Gentile signora, lei si rifà a problemi complessi e sofferti, di fronte ai quali l’ironia stona. Però apprezziamo lo sforzo di cogliere le due facce della medaglia. La realtà è sempre poliedrica, anche fra gli extracomunitari. Missioni Consolata lo scriveva nel gennaio 1989: «Non bisogna generalizzare. C’è il rifugiato politico, che non ha ancora ricevuto il riconoscimento di “rifugiato”; c’è lo studente borsista e quello non borsista; c’è il lavoratore clandestino e quello con regolare contratto di lavoro e permesso di soggiorno; c’è anche l’avventuriero».
Ma non basta conoscere, in modo astratto, le varie facce della realtà sociale; bisogna «conviverci», senza creare né crearsi una casbah o un Bronx.
Quanto alla vergogna del missionario, essa non è ipocrita; merita invece considerazione, perché solleva questo inquietante interrogativo: «Il mio paese cristiano quale immagine di sé offre in casa sua ai poveri del Sud del mondo, mentre io predico da loro il vangelo?».
Del tema «prostituzione» parla anche l’articolo di pagina 54 del presente numero.

Autori vari